Cosa sono gli Attacchi di panico?

Gli attacchi di panico (detti anche crisi d’ansia) sono episodi di improvvisa ed intensa paura o di una rapida escalation dell’ansia normalmente presente. Cosa avviene? Quando i sensi colgono un pericolo, il cervello attiva un dispositivo di emergenza che attiva tutte le altre sttrutture. Il risultato è la: sudorazione, tachicardia, aumento della pressione sanguigna e una scarica di adrenalina.

Possiamo definire l’attacco di panico come una escalation di sensazioni di paura e tentativi di controllo che nella loro interazione finiscono per intrappolare la mente, che si costruisce essa stessa i mostri dei quali ha paura.

Quali sono i sintomi dell’attacco di panico?

sintomi degli attacchi di panico tipici sono:
– Palpitazioni/tachicardia (battiti irregolari, pesanti, agitazione nel petto, sentirsi il battito in gola)
– Paura di perdere il controllo o di impazzire (ad esempio, la paura di fare qualcosa di imbarazzante in pubblico o la paura di scappare quando colpisce il panico o di perdere la calma)
– Sensazioni di sbandamento, instabilità
– Tremori fini o a grandi scosse
– Sudorazione
– Sensazione di soffocamento
– Dolore o fastidio al petto
– Sensazioni di derealizzazione (percezione del mondo esterno come strano e irreale, sensazioni di stordimento e distacco) e depersonalizzazione (alterata percezione di sé caratterizzata da sensazione di distacco o estraneità dai propri processi di pensiero o dal corpo)
– Brividi
– Vampate di calore
– Parestesie (sensazioni di intorpidimento o formicolio)
– Nausea o disturbi addominali
– Sensazione di asfissia (stretta o nodo alla gola)

Quanto dura l’attacco di panico?

L’attacco di panico ha un inizio improvviso, raggiunge rapidamente l’apice (di solito entro 10 minuti o meno) e dura circa 20 minuti (ma a volte molto meno o di più).

Per chi ha provato gli attacchi di panico, diventa un’esperienza terribile, spesso improvvisa ed inaspettata, almeno la prima volta. E’ ovvio che la paura di un nuovo attacco diventa immediatamente forte e dominante.
Il singolo episodio, quindi, sfocia facilmente in un vero e proprio disturbo di panico, più per “paura della paura” che altro.

Quali sono le conseguenze dell’attacco di panico?

Con la paura degli attacchi di panico diventa quindi pressoché impossibile uscire di casa da soli, viaggiare in treno, autobus o guidare l’auto, stare in mezzo alla folla o in coda, e cosi via.
L’evitamento di tutte le situazioni potenzialmente ansiogene diviene la modalità prevalente ed il paziente diviene schiavo dei suoi attacchi di panico, costringendo spesso tutti i familiari ad adattarsi di conseguenza, a non lasciarlo mai solo e ad accompagnarlo ovunque, con l’inevitabile senso di frustrazione che deriva dal fatto di essere “grande e grosso” ma dipendente dagli altri.

Cosa si può fare?

Si tratta di una effettuare una terapia, a cadenza solitamente settimanale, in cui il paziente svolge un ruolo attivo nella soluzione del proprio problema e, insieme al terapeuta, si concentra sull’apprendimento di modalità di pensiero e di comportamento più funzionali alla cura degli attacchi di panico, nell’intento di spezzare i circoli viziosi del disturbo.
Attraverso la terapia è fondamentale che il paziente si senta capace di risolvere il disagio e sappia di possedere tutte le risorse necessarie per la risoluzione. Verranno assegnati al paziente dei compiti da svolgere sia insieme in terapia sia a casa; saranno volte insieme delle attività con diverso livello di difficoltà e sarà fondamentale fissare gli obiettivi a medio e lungo termine, ogni obiettivo sarà discusso e tarato su ciascun paziente.

Contatti

Dott.ssa Eleonora Sellitto - Psicologa

3491676186

psicologa.sellitto@gmail.com

Ricevo a Roma nelle zone di:
San Giovanni - Prati - Colli Aniene

Chi Sono

Sono la dott.ssa Eleonora Sellitto, Sono Psicologa e psicoterapeuta in formazione presso la Scuola quadriennale in Psicologia di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata A.S.P.I.C.
Mi occupo di ansia, terapia di coppia e dipendenza affettiva. Adoro lavorare col cambiamento che si sviluppa in ciascuno di noi e sostenere le coppie nelle varie fasi di vita della relazione.
Mi appassiona tantissimo lavorare con il desiderio, la seduzione e lo sviluppo del sé. Mi sto specializzando nel lavoro sulla sessualità, approfondendo tutto ciò che concerne fantasie erotiche e difficoltà sessuali.
Print Friendly
Share This