Di cosa parliamo quando parliamo di bullismo, che cos’è esattamente?

Il bullismo è un fenomeno presente soprattutto nelle scuole e tipico nella fase adolescenziale. Per bullismo si intende tutta quelle serie di comportamenti aggressivi e/o discriminatori oppressivi da parte anche di una sola persona, o di clan, che portano la vittima a sentirsi preda accerchiata, indifesa e solitaria.

Spesso i bulli oltre a tormentare la vittima a scuola, in classe, davanti agli amici spesso continuano anche sui canali social definito appunto cyber-bullismo. In questo modo il bullo tormenta la vita della persona in ogni momento e ogni volta che vuole.

Ma come si manifesta il Bullismo?

Il bullismo si manifesta soprattutto in tipologie adolescenziali in due modi:

  • verbale: offese discriminatorie, insulti gravi, calunnie, pettegolezzi sfottò, umiliazioni, molestie che portano la vittima a isolarsi e ad essere esclusa dal gruppo.
  • fisico: prepotenza, aggressioni, percosse volte a far sentire la vittima indifesa, debole e sola.

Ogni azione da parte di uno o più bulli  ha come scopo l’annullamento della personalità e della vita sociale della vittima, inoltre, sono azioni che si protraggono nel tempo non sono unici episodi, tutto ciò per avere maggiore potere e sentirsi superiore ad altri e proprio per questo si manifesta in questa fase di crescita.   La fase adolescenziale è il momento più delicato e complesso di una persona poiché si inizia in quel momento a formarsi la nostra personalità, il nostro carattere, emergono le paure, le emozioni e spesso chi non vive in modo sereno questo processo oppure non è sereno a livello familiare può sfociare in comportamenti aggressivi.

Se ti senti vittima di bullismo e senti di non poter più continuare così, non hai più voglia di andare a scuola e non sai come comportarti … tieni presente questi piccoli accorgimenti:

  -Non sei tu il problema! 

Spesso i bulli agiscono in questo modo perché non hanno ancora trovato capacità di interagire e comunicare diversamente. Colpiscono te proprio perché tu invece sei già dotato di questa capacità ma in questa fase adolescenziale hai bisogno di trovare la consapevolezza della meravigliosa scoperta di te stesso per poterti sentire più forte.

 – Non sei solo! –

Le parole e/o i comportamenti dei bulli possono far male a        chiunque non solo a te. Se ti senti preso di mira, e ti risulta impossibile risolvere la situazione rivolgiti a persone competenti anche ad un professore, il tuo migliore amico, uno psicologo, o comunque a qualcuno che senti che ti possa aiutare. La sensazione di sentirsi soli è appunto solo una sensazione e solo una proiezione che il bullo ti vuole far credere. Ma nella realtà non sei solo. Nessuno di noi è realmente solo. È tutta una proiezione! Non è realtà.

– Ama te stesso più di chiunque altro! –

L’autostima è l’arma vincente per combattere il bullismo.

In questa fase così delicata e ricca di emozioni, lo stato psico-emotivo è in continua evoluzione e caos, proprio perché ancora non si ha una personalità ben definita e si è alla ricerca di noi stessi.

Chi siamo? Cosa vogliamo? Quanto valiamo?  La cosa più difficile è che non abbiamo risposta a queste domande e tutto ciò spaventa. Dobbiamo invece solo essere amici di noi stessi, anche se a volte capita di non sopportarsi ma siamo ognuno di noi perfettamente diversi e belli così.

 Solo e soltanto noi stessi siamo padroni della nostra vita.

Che tu sia una vittima oppure conosca una persona a te cara che si trovi in questa situazione, rivolgiti a persone competenti, parlane con un adulto e fatti aiutare. Nulla è impossibile! Siete adolescenti che un giorno saranno adulti e questa è solo una fase di passaggio da affrontare insieme per capirsi meglio, sentirsi bene ed essere felici per poter vivere serenamente ogni giorno la propria vita in modo sano.

Print Friendly
Share This