“Sotto il sole non c’è essere più infelice del FETICISTA  che brama una scarpa da donna e deve contentarsi di una femmina intera”

Oggi voglio parlare di questa disfunzione sessuale: il feticismo; in questo caso mi rivolgo, in particolar modo, a chi è fissato con i piedi. Definiamo, intanto, cosa intendiamo quando parliamo di Feticismo: ovvero lo spostamento dell’obiettivo  sessuale dalla persona ad un suo sostituto, sia ciò che la sostituisce, una parte del corpo stesso, o una qualità, un indumento o qualsiasi altro oggetto.

Quando parliamo di feticismo la presenza dell’oggetto diventa necessaria per raggiungere l’eccitazione.

Da cosa può derivare? Dal fatto che all’inizio il bambino possa avere vissuto la madre come una unità separata divisa in parti diverse; ad esempio il capezzolo, i capelli, le mani o i piedi e non viene percepita dal bambino nella sua totale interezza.

Generalmente il feticismo del piede; consiste nell’adorazione del piede delle donne in modo ossessivo, certo provare piacere nel guardare i piedi della propria partner, non può essere definito feticismo; questo avviene nel caso in cui la persona non riesce a trarre piacere o arrivare all’orgasmo senza il piede. In questo caso possiamo parlare di disturbo/ disfunzione sessuale.

Nel Feticismo per i piedi, c’è la volontà da parte dell’uomo di arrivare ad una sottomissione nell’atto sessuale; a volte le scarpe vengono utilizzate come strumento di piacere nella sessualità; piacere e dolore che proseguono insieme durante il rapporto.

L’adorazione del piede comprende alcune azioni:

  • feet kissing: la pratica in cui si baciano i piedi
  • feet licking: quando si leccano i piedi
  • feet sniffing: pratica in cui si annusano i piedi, meglio se sudati e non lavati
  • feeling from feet: atto in cui si mangia del cibo usando i piedi come piatto
  • toesucking: atto in cui si succhiano le dita dei piedi
  • feet massage: farsi massaggiare i piedi
  • foctjob: pratica in cui ci si masturba usando i piedi del partner
  • trampling: atto nel quale il sottomesso si fa calpestare dalla propria partner che indossa tacchi alti

Si può agire sulla riduzione della patologia, attraverso l’utilizzo di un approccio strategico e sessuologico. Il trattamento può essere rivolto anche alla coppia; riducendo l’utilizzo del feticcio nella relazione sessuale.

Per lavorare insieme sarà necessario individuare l’oggetto feticistico e i comportamenti ad esso associato.

  •  Si cercherà di  ottenere una registrazione accurata della frequenza legata all’autoerotismo rispetto al rapporto sessuale, risulta importante anche raccogliere informazioni sulle situazioni che generano eccitazione sessuale.
  • Ancora è utile far registrare la risposta allo stimolo eccitatorio provando a dare un valore da 0 a 10.
  • Una volta definito bene il feticcio è utile valutare il significato associato a questo oltre che il disagio che questo genera. Sarà importante lavorare  sulla dipendenza che compromette la vita della persona e le sue relazioni, fino al punto di sostituire il proprio partner con l’oggetto.

 

 

 

Print Friendly
Share This